Ecco i dieci club più ricchi del mondo! E le italiane?

Pubblicato il 10 Giugno 2015 alle 01:47 Autore: Lorenzo Stella

Ecco la classifica dei dieci club più ricchi del mondo. Il marchio di ogni club è stato valutato dal sito brandirectory.com e la classifica che è stata stilata non sorride al calcio italiano che è fuori da questa top10. Sorride invece il calcio inglese che piazza ben nove squadre nelle prime venti posizioni. La prima squadra che non proviene dalle cinque regine del calcio europeo è il Galatasaray che, insieme a Fenerbache, al San Paolo e al Corinthians, è l’unica squadra non europea della top50. Piccola curiosità che farà imbestialire i tifosi partenopei: il Dnipro non è nemmeno entrato fra i 50 club con il miglior brand d’Europa; il Siviglia, invece, è quarantasettesima. Dopo aver visto quali sono i dati tecnici che distanziano la Serie A dagli altri campionati d’Europa, scopriamo chi sono i club più ricchi del mondo tramite questa photo gallery.

 

 

 

Il Bayern Monaco conduceva questa classifica fino allo scorso anno. Ora i campioni di Germania sono diventati "poveri" ed il valore del loro marchio è di 933 milioni di dollari. I cugini dei paperoni d'Europa si dovranno accontentare della medaglia di latta: il valore del marchio del Manchester City è di appena 800 milioni di dollari.Il Chelsea vola dal 7° al 5° posto grazie a un marchio dal valore di 795 milioni di dollari. L'exploit delle squadre inglesi è sicuramente dovuto al nuovo contratto sui diritti TV che ha fruttato tantissimo. I freschi vincitori della Champions League scendono dal quarto al sesto posto. Neymar, Luis Suarez e Messi stavolta non possono farci nulla, il brand Barcellona vale 773 milioni di dollari.L'Arsenal ha incrementato di 200 milioni il valore del club dalla scorsa stagione, ma questo non ha impedito ai gunners di perdere una posizione: ecco l'esempio di quando gli investimenti non pagano...Per i risultati altalenanti e per via dell'assenza del nuovo stadio, il Tottenham (valutato comunque 360 milioni di dollari) non sembra poter stare ancora a lungo in questa top ten!

Autore: Lorenzo Stella

Torinese, classe 1992, militante politico, studente di Scienze politiche e sociali presso l'Università degli studi di Torino. Grande appassionato di calcio, rugby, Formula 1 e MotoGP. Scrivo per Termometro Politico dal maggio del 2013 e sono vice caporedattore della sezione sportiva della testata dal febbraio del 2014.
Tutti gli articoli di Lorenzo Stella →