Chi è Francesco Cassardo l’alpinista ferito, la madre “soccorsi in ritardo”

Pubblicato il 23 Luglio 2019 alle 10:25
Aggiornato il: 24 Luglio 2019 alle 21:11
Autore: Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino
Chi è Francesco Cassardo l’alpinista ferito, la madre “soccorsi in ritardo”

Si è conclusa a lieto fine la disavventura vissuta da Francesco Cassardo. L’alpinista piemontese, la scorsa settimana, si è ferito sugli altopiani del Pakistan, rimanendo bloccato lì per alcuni giorni. Accanto a lui, senza mai abbandonarlo, è rimasto il fedele compagno Carlalberto Cala Cimenti, il quale lo ha assistito giorno e notte fino all’arrivo dei soccorsi. Attualmente l’esploratore è ricoverato presso l’Ospedale di Skardu.

Stando alle parole della Farnesina, le condizioni di Cassardo sono stabili. È polemica, nel frattempo, sul lento arrivo e poco tempestivo intervento dei soccorsi. Se non fosse stato per Cala Cimenti, afferma la madre dell’alpinista ferito, Francesco Cassardo non sarebbe sopravvissuto.

The Resident: trama, cast e anticipazioni ultima puntata stasera 23 luglio

Chi è Francesco Cassardo l’alpinista ferito, la vicenda

Cassardo e Cala Cimenti si trovavano in Pakistan ormai da tempo per cercare di raggiungere le vette del G7 e del G2. Nella giornata di sabato, dopo aver conquistato quest’ultima, i due alpinisti si sono diretti dunque verso il Gasherbrum VII. È qui che Cassardo è scivolato, ferendosi durante una caduta di ben cinquecento metri.

Un altro alpinista italiano, Marco Confortola, si trovava nei paraggi ed essendo stato avvertito dell’incidente, ha cercato di raggiungere il G7 in elicottero. L’avventuriero ha atteso per ore l’arrivo del velivolo, ma il mezzo di soccorso non ha mai raggiunto il suo campo base.

Chi è Francesco Cassardo l’alpinista ferito, il ritardo nei soccorsi

Solo nella giornata di ieri, altri due alpinisti americani sono giunti in soccorso di Confortola. Grazie all’arrivo dell’elicottero nel luogo in cui si trovava Cassardo, i tre sono riusciti a coordinare i soccorsi da terra.

L’alpinista Marco Confortola ha comunicato costantemente con i soccorritori, spiegando loo come raggiungere Francesco Cassardo nel minor tempo possibile. A Confortola vanno dunque i ringraziamenti dell’avventuriero ferito, come egli stesso ha dichiarato mentre veniva portato in ospedale. I familiari, dal canto loro, sperano che Cassardo possa essere in grado di tornare presto in Italia.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino

Laureanda in Scienze della Comunicazione presso l'Università Degli Studi di Salerno, Classe 1996. Lavoro come redattrice per Termometropolitico.it dal 2017. In redazione ho trovato terreno fertile per coltivare il mio immenso amore per la scrittura. Parole chiave: informare, trasmettere, creare.
Tutti gli articoli di Maria Alfonsina Iemmino Pellegrino →