Spider-Man: addio accordo Marvel-Sony. Le motivazioni della separazione

Pubblicato il 21 Agosto 2019 alle 19:03
Aggiornato il: 24 Agosto 2019 alle 11:46
Autore: Adriana Moraldo
Spider-Man: addio accordo Marvel-Sony. Le motivazioni della separazione

È ufficiale: Spider-Man non fa più parte del Marvel Cinematic Universe. La sconvolgente notizia, che già girava sul web da alcune ore, è stata confermata con un comunicato dalla stessa Sony che si è detta delusa dalla scelta di Disney di non proseguire con l’accordo.

Il colpo di scena è giunto proprio quando l’ultima pellicola sull’uomo ragno è stata dichiarata il più grande successo ottenuto dalla multinazionale giapponese. Ma vediamo insieme le motivazione della separazione!

Spider-Man: addio accordo Marvel-Sony. Le motivazioni della separazione

Come già detto in apertura di articolo, Marvel non produrrà più film di Spider-Man. Già nelle ore precedenti si era vociferato di un problema tra Sony e Disney nel raggiungere un accordo economico sui guadagni.

In seguito le trattative si sono chiuse senza trova una soluzione che accontentasse entrambe le parti. Sembrerebbe infatti che il successo dei due progetti firmati Marvel e Sony avrebbero portato la Disney a chiedere che il precedente contratto fosse modificato volendo diventare co-finanziatrice al 50% dei prossime pellicole dedicate a Spider-Man. La multinazionale giapponese però non ha accettato la proposta potendo contare sul fatto che è lei a detenere i diritti d’utilizzo sui personaggi e sulla distribuzione.

Il comunicato della Sony su Twitter

Di seguito la traduzione in italiano del comunicato diffuso dalla Sony su Twitter:

Molte delle notizie odierne su Spider-Man hanno dato una rappresentazione sbagliata della recente discussione sul coinvolgimento di Kevin Feige nel franchise. Siamo delusi ma rispettiamo la decisione della Disney di non fargli proseguire il suo incarico come produttore dei nostri film live-action di Spider-Man.

La multinazionale giapponese continua poi:

Speriamo che la situazione possa cambiare in futuro ma capiamo che le nuove responsabilità che la Disney gli ha affidato, incluse tutte le nuove proprietà Marvel, non gli lasciano tempo di lavorare su IP che non possiedono. Kevin è eccezionale e siamo grati per il suo aiuto e la sua guida e apprezziamo il percorso che chi ha aiutato ad effettuare e che proseguiremo.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Adriana Moraldo

Laureanda in Lettere Moderne è appassionata di cinema, letteratura e musica. Collabora con Termometro Politico da ottobre 2018. Attualmente si occupa della sezione Termometro Quotidiano e scrive articoli di tempo libero, spettacolo, cinema e televisione.
Tutti gli articoli di Adriana Moraldo →