Cos’è la Samara Challenge a Napoli, Roma e come funziona il gioco

Pubblicato il 2 Settembre 2019 alle 13:31
Aggiornato il: 3 Settembre 2019 alle 21:11
Autore: Daniele Sforza
Cos’è la Samara Challenge a Napoli, Roma e come funziona il gioco

La Samara Challenge impazza su YouTube, ma soprattutto (e letteralmente) per strada: il gioco virale può però avere anche alcune conseguenze negative, come già accaduto. I fan dell’horror che hanno visto o conoscono The Ring, sanno già perfettamente a cosa si riferisce questo nome. È quello di Samara Morgan, la ragazza con indosso una lunga veste bianca e lunghi capelli neri che esce dagli schermi per terrorizzare (e portarsi via) le sue vittime. La Samara Challenge è proprio ispirata a questo personaggio: andiamo a vedere cos’è e come funziona (e quindi come tutelarsi da un possibile spavento).

In cosa consiste la Samara Challenge

La Samara Challenge è un “gioco” (se così lo si vuole chiamare) che ricalca un po’ i famosi scare pranks che ogni tanto si vedono su YouTube (sicuramente vi sarà capitato di vedere qualche clown armato d’ascia che insegue poveri malcapitati o fantasmi che appaiono in ascensore). Sulla falsariga di questi “scherzi”, la Samara Challenge consiste nell’indossare una lunga tunica bianca e una altrettanto lunga parrucca nera, aggirarsi per le strade di una città e spaventare gli ignari passeggiatori, soprattutto quando si avvicinano e si urla loro contro. Il tutto viene poi filmato da una telecamera, montato e caricato su YouTube, dove vengono visti da diversi utenti.

Rischi e complicazioni

Non sempre la Samara Challenge termina con una risata (o con una fuga della “vittima”). Nel gragnanese, ad esempio quando la Samara di turno ha urlato contro dei tizi, si è presa un pugno in faccia. È successo in via Vittorio Veneto, dove un ragazzo ha dato un pugno alla ragazzina, mandandola a terra. Una variante dell’urlo è il coltello (finto, ovviamente) che Samara estrae terrorizzando i passanti. Diversi episodi sono stati segnalati nel territorio campano (Afragola e Torre del Greco), ma anche in alcuni quartieri di Roma (a San Basilio l’indemoniata è stata presa a calci). Tirare fuori un coltello, di questi tempi, può comunque essere pericoloso e determinare conseguenze deleterie (per Samara). Anche spaventare bambini piccoli o anziani potrebbe generare diversi danni. Cosa fare dunque se si dovesse incontrare per strada Samara? Semplicemente buttarla sullo scherzo, o dirle di smetterla. Non ci troveremmo di fronte a degli psicopatici usciti da case di cura, come vorrebbe una leggenda metropolitana messa in giro proprio per l’occasione, ma solo a dei burloni che sfruttano nuove mode per avere un po’ di popolarità.

LA PAGINA TERMOMETRO POLITICO A QUESTO LINK

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →