Pubblicato il 11/09/2019 Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2019 alle 16:40

Commisso: “Deluso dalle infrastrutture. Niente più cori contro Scirea ed Heysel”

autore: Lorenzo Annis
Commisso Deluso dalle infrastrutture. Niente più cori contro Scirea ed Heysel
Commisso: “Deluso dalle infrastrutture. Niente più cori contro Scirea ed Heysel”

Finita la pausa nazionali, la Serie A si prepara alla terza giornata che avrà luogo nel weekend. La partita di apertura sarà molto bella ed interessante: stiamo parlando di Fiorentina-Juventus.

Trattasi di una sfida storica fra due squadre rivali da ormai tantissimo tempo, pronte a darsi battaglia per accaparrarsi i tre punti che in questo momento farebbero ancor più comodo ai padroni di casa, fermi ancora a quota zero dopo le prime due partite, al contrario dei sei punti conquistati dai bianconeri.

Il presidente della Viola Rocco Commisso, è stato intervistato in esclusiva dal Corriere dello Sport e ha parlato a tutto tondo tra mercato estivo, prossima partita di campionato e non solo.

LEGGI ANCHE: Eto’o, l’ennesima leggenda che si ritira dal calcio giocato

Le parole di Commisso

Una partita difficile quella che attende la Fiorentina: “Sarà dura, molto dura, ma sono convinto che vedremo una grande Fiorentina. Mi aspetto uno stadio pieno e bellissimo, pieno e civile”.

Commisso si augura che non ci siano cori indegni: “Non voglio più sentire cori né sull’Heysel né su Scirea perché si va contro i miei principi. E non voglio più neanche quelli contro il sud. Io sono calabrese, Joe Barone è siciliano, Montella è napoletano, attaccare i meridionali significa attaccare anche noi. Non so chi li abbia fatti, non li conosco, ma non voglio più sentirli. Ai leader della Fiesole dico di controllare i pochi che lanciano quei cori. La Fiorentina è di tutti: mia, dei tifosi e della Fiesole.”.

Sul mercato estivo: “Ho scoperto il potere degli agenti e la fragilità delle trattative. Volevamo De Paul, Rafinha, De Rossi e Nainggolan, ma il prezzo per i primi due non era quello che ritenevamo giusto. Abbiamo aumentato il monte ingaggi a 50 milioni, ma è poco”.

C’è delusione da parte di Commisso sul fronte infrastrutture: “C’è voglia di fare, ma è un processo pieno di ostacoli. Ci sono progetti anche per il centro sportivo, a Campi Bisenzio e a Bagno a Ripoli, ma poi ho scoperto che c’è una legge sul rispetto del paesaggio e allora bisogna andare piano anche lì”.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Lorenzo Annis

Nato in Sardegna il 1° luglio del 1996, è nel Termometro Politico dal 2017. Scrive prevalentemente di sport dividendosi tra pallone e pedali, le sue più grandi passioni sportive. E-mail: lorenzolaurens37@gmail.com
    Tutti gli articoli di Lorenzo Annis →