Prima linea ferroviaria in Italia Napoli-Portici: anno di costruzione e storia

Pubblicato il 3 Ottobre 2019 alle 14:41
Aggiornato il: 4 Ottobre 2019 alle 22:40
Autore: Daniele Sforza
Prima linea ferroviaria in Italia Napoli-Portici: anno di costruzione e storia

Chi è andato su Google oggi, giovedì 3 ottobre 2019, avrà visto un’immagine emblematica sulla home page del motore di ricerca. Un classico Doodle che richiama l’immagine di un treno. Oggi, infatti, Google ha deciso di omaggiare la prima linea ferroviaria in Italia, lunga 7 km, che collegava Napoli a Portici e che è stata augurata proprio in questa data, ben 180 anni fa.

Prima linea ferroviaria in Italia: la storia

Il 3 ottobre di 180 anni fa (correva l’anno 1839) veniva inaugurata la prima linea ferroviaria in Italia, Paese allora non ancora unito, tant’è che effettivamente la ferrovia ebbe vita nel Regno delle Due Sicilie governato dai Borboni. Si trattava di una linea che era lunga poco più di 7 km e che collegava Napoli a Portici. La prima linea ferroviaria commerciale fu infatti inaugurata nel Regno Unito (fu la Stockton-Darlington) nel 1825, e ciò accese un vivo interesse in tutto il Vecchio Continente, soprattutto nell’ottica della velocizzazione commerciale e industriale. In Italia un’evoluzione di questo tipo arrivò abbastanza tardi (14 anni dopo la Stockton-Darlington Railway) a causa dei fattori geografici, della presenza delle potenze straniere sul territorio e della divisione politica.

La prima linea ferroviaria in Italia era quindi lunga, esattamente, 7,640 km. L’inaugurazione avvenne con la benedizione del Re Ferdinando II di Borbone. Poco meno di 3 anni più tardi, il 1° agosto 1842, la ferrovia venne allungata, raggiungendo anche Castellamare di Stabia. Negli anni successivi e per tutto il decennio, i lavori sulla prima linea ferroviaria italiana proseguirono collegando altre città.

La ferrovia fu costruita dall’ingegnere francese Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie. I lavori durarono circa 13 mesi. Per l’occasione, come riferisce Il Post, il Re pronunciò il seguente discorso: “Questo cammino ferrato gioverà senza dubbio al commercio e considerando come tale nuova strada debba riuscire di utilità al mio popolo, assai più godo nel mio pensiero che, terminati i lavori fino a Nocera (come nel progetto originario, ndr) e Castellamare, io possa vederli proseguiti per Avellino fino al lido del Mare Adriatico”.

Chi era Herbert Kleber: metodo, biografia e carriera dello psichiatra

Il treno che percorse la linea era composto da 8 vagoni e ci mise circa 10 minuti per percorrere un tratto di 7,25 km.

Per festeggiare la ricorrenza, la Fondazione FS Italiane ha organizzato un evento presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, che sarà inaugurata oggi 3 ottobre e terminerà domenica 6 ottobre.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →