Come cambia la Sampdoria di Ranieri: i possibili scenari di formazione

Pubblicato il 13 Ottobre 2019 alle 14:30 Autore: Daniele Schillaci
Come cambia la Sampdoria di Ranieri: i possibili scenari di formazione

A due mesi dall’inizio del campionato la Sampdoria ha deciso di non proseguire più la sua avventata con Eusebio Di Francesco. Il tecnico ha pagato un avvio da incubo nel quale ha ottenuto solo una vittoria e ben sei sconfitte e, al suo posto, il club ha ingaggiato l’espertissimo Claudio Ranieri. L’allenatore romano ha firmato un contratto fino al 2021.

LEGGI ANCHE: La nazionale italiana ha ufficialmente aperto un nuovo ciclo

La situazione della Samp e l’esperienza del nuovo tecnico

I blucerchiati, come detto, vengono da un inizio campionato molto difficile. La squadra si trova infatti in ultima posizione e possiede la peggior difesa dell’inter campionato con 16 gol subiti e il secondo peggior attacco con soli 4 gol fatti. Toccherà quindi al tecnico romano far risorgere dalle ceneri la Doria: il campionato è fortunatamente ancora lunghissimo e le cose non sono affatto compromesse.

Il nuovo allenatore della Sampdoria Claudio Ranieri esordirà contro la sua Roma nell’ottava giornata di Serie A. Particolare la coincidenza dell’aver preso il posto in panchina a Di Francesco, esattamente quanto avvenuto lo scorso marzo alla Roma. Per lui si tratta del 17esimo club allenato in una lunghissima carriera, composta da trionfi esaltanti come da esoneri scottanti.

Ranieri ha allenato in ben quattro paesi oltre l’Italia: Grecia come CT, Spagna, Francia e Inghilterra. In Spagna con il Valencia ha conquistato una Copa del Rey e una Supercoppa Europea. In Italia, invece con la sua Fiorentina ha conquistato una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Ma il capolavoro della sua carriera resta la stagione 15/16 in Premier con il Leicester, con il quale ha fatto sognare milioni di persone in tutto il mondo.

Quali potrebbero essere le scelte di Ranieri?

Ora proviamo a comprendere come possa essere costruita la nuova Doria. Per quanto riguarda la difesa, quasi sicuramente il nuovo tecnico punterà sulla difesa a quattro come già è accaduto nelle sue precedenti esperienze con Fulham, Roma e Leicester. A centrocampo, ipotizzando un possibile 4-4-2, si cercherà di dare quadratura alla squadra sia in fase offensiva che difensiva.

Per l’attacco ovviamente si affiderà al bomber Fabio Quagliarella, anche lui molto sottotono in questa stagione. Vedremo molto probabilmente una squadra votata più al contenere che all’assaltare e le prime partite saranno fondamentali per Ranieri in modo da trovare una quadratura giusta e riportare al più presto la Samp fuori dalla zona retrocessione.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Schillaci

Nato a Palermo il 3 settembre del 1997. Studia all'universita di Palermo Scienze delle comunicazioni per i media digitali.
Tutti gli articoli di Daniele Schillaci →