WWE Monday Night Raw: ecco cosa è successo il 14 ottobre

Pubblicato il 15 Ottobre 2019 alle 14:37
Aggiornato il: 16 Ottobre 2019 alle 22:48
Autore: Daniele Incandela
WWE Monday Night Raw: ecco cosa è successo il 14 ottobre

A Denver, Colorado, questa notte ha avuto luogo una nuova puntata di WWE Monday Night Raw. Lo show settimanale è iniziato con una serie di immagini che hanno fatto rivivere lo scontro tra The Fiend Bray Wyatt e “L’Architetto del ring” Seth Rollins. Questo prima sequenza si è conclusa con un poco rassicurante << a dopo>>.

LEGGI ANCHE: The Bauke Mollema Day

“The Man” vs “La Regina del ring”

Sulla stage arriva “The Man” Becky Lynch che comincia a parlare al microfono, ma viene subito interrotta e successivamente attaccata dalla “Regina del ring” Charlotte Flair: rissa di strada.

Ciò dà origine a un match tra le due che è caratterizzato da colpi duri, sia dentro che fuori dal ring. È la Flair a dominare per lungo tempo il match, sfoderando in successione anche le sue mosse migliori (Natural Selection, Figure 8 e Spear), ma alla fine è la rossa irlandese a vincere il match grazie a uno schienamento a croce che le vale il pin decisivo.

WWE Monday Night Raw: le parole di Seth

Terminato il primo match, ci ritroviamo nel backstage con il campione Universale Seth Rollins pronto a rilasciare un’intervista nella quale si torna sul “The Fiend”: “Questa notte, finisce tutto. Io questa notte andrò a caccia di The Fiend. Non mi interessa dove si nasconde, lo troverò e I am gonna burn it down.“. Così si è espresso il campione Universale.

Il Draft del 2019

Sulla rampa troviamo Stephanie McMahon pronta ad annunciare gli esiti del primo round del Draft odierno (2 scelte per SmackDown, 3 per Raw): a Raw vanno Rollins, Charlotte Flair e Andrade, a SmackDown Brock Lesnar e il “New Day”.

Appena draftato, Andrade, accompagnato dalla solita Zelina, fa il suo ingresso sullo stage e pronto ad affrontarlo troviamo Mustafa Ali. Ali parte col botto, ma la determinazione del messicano e la solita interferenza di Zelina, permettono a El Idolo di ottenere la vittoria grazie alla sua Hammerlock DDT.

Il secondo turno del Draft dice che: The Kabuki Warriors, Rusev e Aleister Black vanno a Raw, Daniel Bryan e Bayley a SmackDown.

Si prosegue col match valido per i titoli di coppia di Raw: da una parte gli sfidanti, i Viking Raiders, dall’altra i campioni, Robert Roode e Dolph Ziggler. Anche questo match si è rivelato essere molto combattuto e con pathos. Colpi duri, manovre combinate e finali da ambo i lati, ma in conclusione sono gli sfidanti ad uscirne vincitori: i Viking Raiders sono i nuovi campioni di coppia di Raw!

Il terzo turno di Draft, invece, porta Cedric Alexander, Humberto Castillo ed Erick Rowan allo show rosso, il campione intercontinentale Nakamura e Ali nello show blu.

Lo show continua poi con una sorta di Squash Match tra Aleister Black e l’ex TNA Erick Young, che vede il primo trionfare sul secondo in poco tempo e con grande facilità grazie alla sua nuova presa si sottomissione.

Il quarto turno di Draft porta Buddy Murphy, Jinder Mahal e l’attuale 24/7 champion R-Truth a Raw, Dolph Ziggler, Robert Roode (tag team) e Carmella a SmackDown.

Dopo di che, si ritorna nel backstage dove gli Street Profits, team draftato a Raw la settimana precedente, vengono prima “accolti” e poi attaccati dagli O.C. capeggiati da AJ Styles, mettendo subito in chiaro la sitazione per i neo arrivati da NXT.

Ricochet vs Shelton Benjamin, Firma del contratto tra Tyson Fury e Strowman e non solo

Si hanno poi due match singoli maschili.

Tali match vedono contrapporsi, nel primo, Ricochet contro il veterano Shelton Benjamin, nel secondo, Buddy Murphy vs Cedric Alexander. A trionfare sono Ricochet, grazie alla sua Recoil, e Buddy Murphy, per merito della sua Murphy’s Law.

In mezzo ai due match singoli abbiamo altri tre importanti frangenti: per primo un siparietto in una spa che vede protagonisti Bobby Lashley e Lana, pezzo propedeutico a portare avanti la faida con “Il bruto bulgaro” Rusev; per secondo, il momento, non privo di tensione, delle firme del contratto tra Tyson Fury e Braun Strowman che sancisce ufficialmente il loro match per il 31 Ottobre a Crown Jewels, Arabia; e infine, il quinto turno di Draft che porta Samoa Joe, Akira Tozawa e Shelton Benjamin a Raw, The Miz e King Corbin allo show del venerdì sera.

Subito dopo il secondo match singolo, viene annunciato per l’evento in Arabia, Crown Jewel, un Falls Count Anywhere match tra il campione Seth Rollins e il Fiend Bray Wyatt per il titolo universale.

The Kabuki Warriors vs Natalia w Lacey Evans

Prima della parte finale e del match di coppia femminile, si ha anche il sesto e ultimo turno di Draft che colloca Rey Mysterio, Titus O’Neil e Liv Morgan a Raw, Shorty Gable ed Elias a SmackDown. Prima del Main Event, come già accennato, si ha un match di coppia femminile tra le Kabuki Warriors, campionesse di divisione, che affrontano le sfidanti Natalia e Lacey Evans: match intenso, per certi versi duro che termina con la vittoria di rapina del team nipponico.

Main Event: Seth attacca “il demone”, tutto finito?

Parte subito la sigla della FireFly Fun House e a prendere parole è Il Fiend Bray Wyatt, che si rivolge ovviamente al suo rivale Seth Rollins con parole un po’ cripiche, di difficile comprensione: è allora che accade l’impensabile. Seth fa irruzione alla Fun House e attacca il Fiend che quasi in lacrime esclama: “Perché mi fai questo? Per favore Seth...”. Queste parole del Fiend sono servite a ben poco. Seth, infatti, visibilmente stanco dei soprusi sofferti negli ultimi tempi, esclamando il suo solito slang, “Burn it down“, dà fuoco alla FireFly Fun House. In sottofondo la risata malefica di Bray Wyatt.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Incandela

Nato a Palermo il 5 giugno del 1998. Studente di Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni presso l'università di Palermo. Grande appassionato di sport, e in particolar modo del gioco del calcio e del mondo del pro wrestling.
    Tutti gli articoli di Daniele Incandela →