Classifica paesi per reputazione 2019: top 3 e posizione Italia

Pubblicato il 17 Ottobre 2019 alle 14:15 Autore: Daniele Sforza
Classifica paesi per reputazione 2019: top 3 e posizione Italia

La reputazione di un Paese è uno dei fattori chiave che determinano le scelte delle persone di andare a vivere o a studiare o ad andare in vacanza proprio in quel luogo. Ma la reputazione è un termine generico che va analizzato nel dettaglio e alla cui base troviamo altri punti chiave che la determinano: non solo le attrattive, ma anche le politiche economiche e sociali e la stabilità e l’efficienza dei governi. Recentemente è stato pubblicato il Country RepTrak, ovvero la classifica Paesi per reputazione stilata dal Reputation Institute, riportata da Forbes. Il Chief Operating Officer dell’istituto, Nicolas Georges Trad, per l’occasione ha ribadito l’importanza della reputazione di un Paese perché avere una buona reputazione equivale ad avere “più esportazioni, più investimenti e più turismo”.

Classifica Paesi per reputazione: i punti chiave

In generale, rispetto allo scorso anno, la reputazione media dei Paesi è salita di mezzo punto percentuale. Nella top 5 troviamo quasi tutti i Paesi scandinavi (più Svizzera e Nuova Zelanda), mentre l’Italia, pur mantenendo un punteggio importante, scivola dal 13° al 15° posto. Il motivo? La predominanza di fattori quali politiche pubbliche e sistema economico rispetto alle attrattive. Perché se su quest’ultimo aspetto ci facciamo ancora rispettare (saremmo 3° contando solo questo elemento), sugli altri due (che stanno acquistando sempre più quota) perdiamo molto. Anche la differenza salariale tra generi è un elemento molto importante nella valutazione della reputazione di un Paese, ed è una di quelle cause che contribuiscono al mantenimento del primo posto da parte della Svezia (ma anche degli altri Paesi scandinavi). La top 3? Svezia, Svizzera e Norvegia. L’Italia, invece, piace più all’esterno che all’interno, nonostante alcuni difetti in fatto di amministrazione politica ed economica. Ed è proprio questa voce che di fatto sprofonda il Regno Unito al 18° posto e gli Stati Uniti alla 36° posizione (Brexit e Trump le principali ragioni), nonché il Venezuela al 49° posto, vista la crisi politico-economica.

RepTrak 2019: la classifica Paesi con la migliore reputazione

Andiamo quindi a scoprire la classifica dei migliori Paesi 2019 per reputazione.

  1. Svezia
  2. Svizzera
  3. Norvegia
  4. Finlandia
  5. Nuova Zelanda
  6. Canada
  7. Danimarca
  8. Australia
  9. Olanda
  10. Irlanda
  11. Giappone
  12. Spagna
  13. Austria
  14. Belgio
  15. Italia
  16. Portogallo
  17. Singapore
  18. Regno Unito
  19. Germania
  20. Repubblica Ceca
  21. Francia
  22. Grecia
  23. Thailandia
  24. Taiwan
  25. Perù
  26. Polonia
  27. Malesia
  28. Cile
  29. Argentina
  30. Vietnam
  31. Corea del Sud
  32. Emirati Arabi Uniti
  33. Indonesia
  34. Brasile
  35. Filippine
  36. Stati Uniti
  37. India
  38. Sudafrica
  39. Egitto
  40. Messico
  41. Qatar
  42. Israele
  43. Romania
  44. Turchia
  45. Cina
  46. Algeria
  47. Bangladesh
  48. Colombia
  49. Venezuela
  50. Nigeria
  51. Russia
  52. Arabia Saudita
  53. Pakistan
  54. Iran
  55. Iraq

Bambole reborn: oggetto da collezionismo o dispositivo patologico?

Nota metodologica

Per stilare la classifica, sono state intervistate oltre 58 mila persone di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Russia, Regno Unito e Stati Uniti. Il periodo delle interviste è compreso tra marzo e aprile 2018. Nel novero sono entrati i 55 Paesi con maggiore prodotto interno lordo e rappresentatività di almeno il 51% della popolazione del G8.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
    Tutti gli articoli di Daniele Sforza →