Manchester United-Liverpool: torna la rivalità più sentita d’Inghilterra

Pubblicato il 20 Ottobre 2019 alle 12:58 Autore: Daniele Schillaci
Manchester United-Liverpool: torna la rivalità più sentita d’Inghilterra

Oggi alle ore 17:30 torna uno dei match più importanti della Premier League, Manchester United-Liverpool. Le due formazioni arrivano alla gara in maniera decisamente diversa: analizziamo i perché e la forma delle squadre.

LEGGI ANCHE: Luis Muriel e quel che sarebbe potuto essere ma non è stato… ancora

Il Manchester United arranca in questo inizio di stagione

Il Manchester United, con due sole vittorie, tre pareggi e tre sconfitte in campionato non potevano pensare a un inizio di stagione peggiore per una squadra partita per puntare alle zone alte della classifica. Uno dei dati significativi è che lo United ha siglato quattro gol all’Old Trafford nella prima partita di Premier contro il Chelsea e da allora ne ha messo a segno soltanto un altro nel proprio stadio. Uno dei pochi dati a favore per il Manchester è la storia, poiché ha perso questa partita in casa una sola volta dal 2010.

La possibile formazione del Manchester United:

(4-2-3-1): Romero; Wan-Bissaka, Lindelof, Maguire, Young; McTominay, Matic; James, Mata, Rashford; Martial

L’infallibile Liverpool

Il Liverpool, invece, è pronto ad eguagliare il record attuale di vittorie in Premier, poiché potrebbero vincere la 18esima partita di fila. La distanza tra le due squadre è tanta: infatti dopo solo 8 giornate sono già 15 i punti di distanza tra le due rivali. Quattro dei sei ultimi testa a testa di campionato tra Manchester United e Liverpool sono finiti in un pareggio. I Reds godono attualmente di un vantaggio di 5 punti sul Manchester City, che ha giocato e vinto ieri sera in casa del Crystal Palace.

La possibile formazione del Liverpool:

(4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Wijnaldum; Salah, Firmino, Manè

Punti chiave Manchester United-Liverpool

Per quanto riguarda il Manchester United, Solskjaer potrà puntare sul solito Marcus Rashford, che ha già segnato tre gol in otto partite e sembra essere il più in forma della squadra di casa. Pesantissima l’assenza per infortunio di De Gea. Il Liverpool di Klopp potrà affidarsi invece sul solito tridente che non delude mai: Firmino, Mané e Salah. Da non dimenticare in fase difensiva la presenza del solito Van Dijk che difenderà la porta del rientrante Alisson dagli attacchi della squadra avversaria.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Schillaci

Nato a Palermo il 3 settembre del 1997. Studia all'universita di Palermo Scienze delle comunicazioni per i media digitali.
    Tutti gli articoli di Daniele Schillaci →