Enrico Oetiker: biografia e carriera, ecco chi è in Se Dio vuole

Pubblicato il 29 Novembre 2019 alle 14:14 Autore: Isotta Ratti
Enrico Oetiker: biografia e carriera, ecco chi è in Se Dio vuole

Nella commedia che è andata in onda il 27 novembre su Rai Uno – Se Dio vuoleEnrico Oetiker ha avuto un ruolo importante. Scopriamo di più sull’attore e sulla sua partecipazione al film.

LEGGI ANCHE: Zecchino D’Oro 2019: ospiti e anticipazioni serate. I partecipanti

Enrico Oetiker, biografia e carriera

Enrico Oetiker nasce a Roma nel 1993 da madre italiana e padre svizzero – a cui si devono le origini del suo cognome. Bambino molto vivace, Enrico si dedica allo sport fin da piccolo e parallelamente sogna una vita da attore. Dopo essersi diplomato a Roma, in una scuola internazionale (la American Overseas School of Rome), muove i primi passi nel mondo dello spettacolo posando come modello per alcuni brand.

Il coronamento del suo sogno – nonché il successo – per Enrico arriva nel 2015, quando dopo essersi dedicato allo studio di dizione prende parte al suo primo film cinematografico Se Dio vuole, nel quale recita un ruolo di grande centralità.

Due anni dopo è nel cast della commedia Classe Z, dove gira al fianco di Andrea Pisani (uno dei due membri del gruppo I Pampers, webstar conosciute tra i giovani), Alice Pagani e Greta Menchi. Enrico Oetiker ha poi interpretato il ruolo di Riccardo Guarnieri nella serie televisiva italiana Il paradiso delle signore. È grazie a questa fiction che Enrico ha l’opportunità di farsi conoscere ed apprezzare ancora meglio dal pubblico – soprattutto quello femminile – recitandovi a partire dalla terza stagione.

Enrico Oetiker: chi è nella commedia Se Dio vuole

Come detto, lo scorso mercoledì su Rai Uno è andato in onda il film Se Dio vuole, una pellicola del 2015 diretta da Edoardo Falcone. Il ruolo assegnato ad Enrico Oetiker è di grande rilievo, in quanto personaggio cardine nella storia. Enrico è Andrea De Luca, un giovane ragazzo studente universitario (sulle orme del papà medico) che abbandona gli studi in quanto vocato di diventare prete. Andrea si affiderà dunque al parroco Pietro, che sceglierà come propria guida in questo cammino.

Il padre Tommaso non è naturalmente d’accordo con la decisione del figlio, e crede che esso si stia facendo intortare dal Don. Cercherà così di smascherarlo, ma il finale farà riflettere il pubblico, inviando un messaggio di speranza: cercare sempre di superare i propri limiti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Isotta Ratti

Classe 1998. Laureanda presso la facoltà di Scienze della comunicazione all'Università degli Studi di Pavia.
    Tutti gli articoli di Isotta Ratti →