Insigne: “Dispiace Sarri sia andato alla Juve. Ancelotti sta dando tanto”

Pubblicato il 17 Luglio 2019 alle 17:29 Autore: Lorenzo Annis
Insigne: “Dispiace Sarri sia andato alla Juve. Ancelotti sta dando tanto”

La strana parabola di Lorenzo Insigne. Qualche anno fa i paragoni si sprecavano, poi nel corso dell’inizio di questo 2019 era diventato quasi un oggetto misterioso, tra contestazioni dei tifosi e prestazioni in campo non all’altezza del suo talento.

Ora sembra che il pericolo sia rientrato e – dopo le tante voci di cessione – lo scugnizzo è tornato al centro del progetto napoletano. Ha parlato oggi ai microfoni di Radio Kiss Kiss ed è tornato anche appunto sui fischi di qualche tempo fa che i suoi tifosi e concittadini gli hanno riservato:Ci rimango male perché sono napoletano, ma non solo a me, non bisogna fischiare i giocatori, noi in campo diamo sempre l’anima e questo a volte non viene percepito“.

LEGGI ANCHE: Higuain, Icardi e il loro futuro: è Diego Costa il bandolo della matassa?

Le parole di Insigne

L’attaccante partenopeo ha così parlato di fascia da capitano e maglia numero dieci:Anche senza la fascia ho sempre avuto tante responsabilità, ci si aspetta tanto da me, sono il primo a stare male se il Napoli non vince. Lo so che la dieci l’ha portata il giocatore più forte al mondo, ho fatto la scelta del numero per una dedica a mia moglie, e non ho intenzione di cambiarla“.

Non potevano mancare le parole sul suo ex allenatore Maurizio Sarri e sugli obiettivi stagionali: A tutti dispiace che Sarri sia andato alla Juve ma è una sua scelta, ora cercheremo di batterlo. A me e agli altri ha dato tanto. Lo scudetto è il sogno di tutti, gli altri anni ci siamo andati vicini e poi ci siamo rimasti malissimo. Se giochiamo uniti tutti insieme possiamo mettere in difficoltà chiunque, ma ci sono anche gli avversari e sarà sempre difficile. La promessa che posso fare è che con i compagni lottiamo fino alla fine per l’obiettivo. Sarri all’inizio non è mai partito benissimo. Lì ci sono grandi campioni, proveremo a metterli in difficoltà“.

Invece sul suo attuale allenatore Ancelotti, dice:Ancelotti ci sta dando tanto, è un allenatore internazionale, non lo dico io ma i numeri e quello che ha in bacheca. Bisogna seguirlo, poi siamo noi a scendere in campo, dobbiamo essere bravi a prendere le sue idee e trasformarle in campo“.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Lorenzo Annis

Nato in Sardegna il 1° luglio del 1996, è nel Termometro Politico dal 2017. Scrive prevalentemente di sport dividendosi tra pallone e pedali, le sue più grandi passioni sportive. E-mail: lorenzolaurens37@gmail.com
Tutti gli articoli di Lorenzo Annis →