Atlético Madrid-Juventus: prepartita e formazioni ufficiali

Pubblicato il 18 Settembre 2019 alle 20:44 Autore: Alessandro Faggiano
Atlético Madrid-Juventus: prepartita e formazioni ufficiali

I bianconeri e i colchoneros tornano ad affrontarsi dopo i vibranti 180 minuti dell’anno scorso. La squadra campione d’Italia riuscì a rimontare – con una buona dose di epica e una partita di ritorno da incorniciare – il 2-0 sofferto all’andata nel tempio dell’Atlético. Le due compagini si ritrovano, adesso, nei gironi di Champions, in compagnia di Bayer Leverkusen e Lokomotiv Mosca. La squadra allenata da mister Simeone conosce bene sia i teutonici (incrociati in più occasioni nelle ultime edizioni di Champions) che il Lokomotiv (avversario trovato nel percorso che portò i colchoneros a vincere l’Europa League nella stagione 2017/2018).

I bianconeri arrivano all’appuntamento più ostico della stagione (almeno per il momento) con la voglia di rifarsi del pareggio per 0-0 all’Artemio Franchi contro la Fiorentina di Boateng e Ribery. Vediamo le formazioni di Atlético-Juve per questa prima giornata di Champions.

Clicca qui per tutte le informazioni sullo streaming dell’esordio dei bianconeri nella Champions League 2019/2020.

Atlético Madrid-Juventus: le formazioni ufficiali

L’Atlético Madrid schiera il più classico dei 4-4-2, il modulo più utilizzato in assoluta nell’era Simeone. L’allenatore argentino opta per un centrocampo di sostanza, che dia riparo alla coppia di centrali composta da Sávic e Giménez. Lodi e Trippier se la vedranno con due terzini a vocazione offensiva come Danilo e Alex Sandro. C’è da aspettarsi quindi, un intenso gioco sulle fasce per ambo le compagini.

Atlético Madrid (4-4-2). Oblak; Lodi, Giménez, Sávic, Trippier; Lemar, Thomas Partey, Saúl, Koke; Diego Costa, Joao Felix. A disposizione: Adán (SP), Arias, Correa, Llorente, Herrera, Felipe, Vitolo. Allenatore: Diego Pablo Simeone.

Modulo speculare per i bianconeri che si presentano al Wanda Metropolitano con un 4-4-2 a trazione offensiva. Kedhira dovrebbe fungere da filtro e avere un ruolo strategico centrale negli schemi di Maurizio Sarri. Pjanic avrà a disposizione un gran numero di soluzioni, sia sulle fasce (con le batterie di Sandro-Matuidi e Danilo-Cuadrado), sia per le verticalizzazioni verso CR7 e il pipita Higuain.

Juventus (4-4-2) Szczesny; Alex Sandro, De Ligt, Bonucci, Danilo; Matuidi, Pjanic, Khedira, Cuadrado; Ronaldo, Higuain. A disposizione: Buffon (SP), Ramsey, Dybala, Rabiot, Demiral, Bentancur, Bernardeschi. Allenatore: Maurizio Sarri.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it