Pubblicato il 08/10/2019 Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre 2019 alle 23:29

MacOS Catalina: download, novità e dispositivi Apple compatibili

autore: Daniele Sforza
MacOS Catalina download novità
MacOS Catalina: download, novità e dispositivi Apple compatibili

Gli utenti che possiedono un computer Apple potranno finalmente aggiornare il sistema a MacOS Catalina, disponibile ufficialmente per il download. Il sistema operativo è stato presentato in occasione della WWDC 2019, a cui è seguito un periodo di beta testing (a partire dallo scorso giugno), per arrivare fino ai giorni nostri, con il rilascio della versione 10.15 Catalina. Ecco le principali novità apportare dall’aggiornamento, quali sono i dispositivi compatibili e altre cose importanti da sapere.

MacOS Catalina: i dispositivi compatibili

Iniziamo subito da una voce molto importante per gli utenti: la compatibilità. Ovvero, quali dispositivi risultano compatibili con MacOS Catalina? È presto detto: l’aggiornamento sarà disponibile per i MacBook Air (dalla versione 2012 in poi), per MacBook 2015 e successivi e per MacBook Pro 2012 e seguenti. Inoltre il nuovo OS sarà supportato anche dagli iMac 2012 e successivi, iMac Pro 2017 e successivi, Mac Pro 2013 e seguenti e Mac Mini, dalla versione 2012 in poi.

MacOS Catalina: non ci sarà più iTunes

Addio iTunes: quest’ultimo sarà trasformato, convertito e smembrato in 3 componenti diverse, ovvero Musica, Podcast e Tv. L’interfaccia sarà comunque simile, mentre per il trasferimento file dai dispositivi iOS si utilizzerà Finder. Musica sarà praticamente il nuovo iTunes lato musica e consentirà di accedere ai contenuti di Apple Music. Podcast, invece, permetterà di approdare alla libreria Podcast con nuove funzionalità e categorie. Tv, infine, sarà simile a quella presente su Apple TV e offrirà contenuti video supportando anche la risoluzione 4K HDR sui display più avanzati.

Sidecar e Voice Control

Sidecar è una novità che farà molto piacere a chi è abituato a lavorare su due schermi diversi. Con questa funzionalità, infatti, ci sarà la possibilità di trasformare il proprio iPad in un altro display (senza fili né cavi di sorta). Altra funzione interessante è Voice Control, che a breve dovrebbe supportare anche l’italiano tra le lingue disponibili.

Apple Arcade

C’è spazio anche per l’intrattenimento videoludico con MacOS Catalina, grazie ad Apple Arcade (si paga un abbonamento di 4,99 euro al mese, ma il primo è gratuito), che permetterà di fruire di contenuti esclusivi e accesso ai download. Al momento ci sono solo 20 titoli giocabili, ma il catalogo sarà presto ampliato. Per avere Apple Arcade bisognerà recarsi sul Mac App Store e spicca anche la compatibilità dei giochi con i controller PlayStation 4 e Xbox Wireless.

Microsoft Surface 2019: caratteristiche prodotti, prezzo e scheda tecnica

Le altre funzioni in arrivo con MacOS Catalina

Trova il mio iPhone è stata una funzionalità così apprezzata, che adesso l’opzione risulterà disponibile anche con tutti gli altri dispositivi. Altra feature interessante è il Tempo di Utilizzo, che permetterà di scoprire quanto tempo si usa il Mac e consultare le tempistiche di utilizzo delle singole applicazioni, così come del display attivo. Buona notizia per i genitori anche la possibilità di sincronizzare la funzione con In Famiglia e permettere loro di monitorare l’uso del Mac da parte dei figli.

Aggiornamento: come si fa e cosa fare prima

Prima di procedere all’aggiornamento al nuovo OS, è sempre preferibile effettuare un backup (tramite iCloud ad esempio) ed essere certi che la batteria sia al completo, in caso di alimentazione mancante. Inoltre occorrerà salvare tutte le operazioni in corso e chiudere i processi aperti, prima di procedere all’aggiornamento recandosi sul Mac Store e seguendo le indicazioni incluse nella procedura guidata.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
    Tutti gli articoli di Daniele Sforza →