Masters 1000 Shanghai 2019: Berrettini erculeo, è semifinale!

Pubblicato il 11 Ottobre 2019 alle 17:54 Autore: Cesare Fabrizi
Masters 1000 Shanghai 2019: Berrettini erculeo, è semifinale!

Matteo Berrettini ha superato l’ennesimo banco di prova delle ultime settimane al Masters 1000 Shanghai 2019, regolando 7-6 6-4 Dominic Thiem e approdando per la prima volta in carriera in semifinale in un Masters 1000. Domani affronterà Alexander Zverev, che ha avuto la meglio di Roger Federer.

LEGGI ANCHE: Giro di Lombardia 2019: percorso, altimetria, startlist e favoriti

Masters 1000 Shanghai: gli incontri di oggi

Grande giornata al Masters 1000 di Shanghai. Nel primo incontro purtroppo Fabio Fognini non ha potuto molto contro Daniil Medvedev, più adatto di lui alla superficie e che da dopo Wimbledon è sempre arrivato almeno in finale in tutti i tornei disputati.

La prima grossa sorpresa della giornata al Masters 1000 Shanghai 2019 arriva nella partita successiva, nella quale Stefanos Tsitsipas è riuscito a sconfiggere per la prima volta in carriera Novak Djokovic e così facendo ha detronizzato il serbo dalla prima posizione del ranking, che sarà dalla prossima settimana di Rafa Nadal. Tsitsipas, con questa vittoria, è diventato ufficialmente il 6° qualificato per le ATP Finals.

La seconda grossa sorpresa è arrivata nel match successivo della giornata di oggi: Roger Federer è stato sconfitto dalla migliore versione dell’anno di Alexander Zverev, col tedesco che in tre set ha avuto la meglio dello svizzero, esprimendo una grande prova a 360° a partire dal servizio, mai contrastato da Federer.

Ma giungiamo alla partita di quarti di finale del Masters 1000 Shanghai 2019 che maggiormente ci interessa, il match di Matteo Berrettini contro Dominic Thiem: una partita “da botte in faccia”, con poche variazioni, tanta potenza, tanta energia e tantissimo equilibrio. Solo due game in tutto l’incontro sono andati ai vantaggi, con i giocatori che hanno tenuto facilmente i propri servizi.

Il primo set si è concluso per 10-8 al tie break, con Berrettini che ha recuperato da 3 punti a 0 sotto giocando il game decisivo in maniera granitica, concedendo pochissimo e come sempre spingendo tantissimo con il servizio e con il dritto. Il secondo set è stato deciso dall’unico break del match, sul tre pari. Berrettini ha faticato solo nell’ultimo game, nel quale ha fallito due match point sul 40-15 e infine, dopo aver annullato pure una palla break, ha sfruttato il terzo match point portando a casa la partita. Domani l’azzurro affronterà Zverev, in un rematch dell’incontro disputatosi agli Internazionali di Roma quest’anno, che ha visto la vittoria del nostro tennista.

Da sottolineare come gli ultimi quattro tennisti rimasti in questo Masters 1000 Shanghai siano tutti giovanissimi: il più vecchio è Daniil Medvedev, nato a febbraio del 1996. Almeno per questa settimana, la Next Gen è salita al potere.

Race to London: la situazione

Dopo la vittoria di oggi di Tsitsipas rimangono liberi solo due posti per le Atp Finals sugli otto disponibili a inizio anno. Attualmente sono occupati, nell’ordine, da Alexander Zverev e proprio da Matteo Berrettini, i quali sono ancora in corsa per vincere il Masters 1000 Shanghai 2019 e che domani si affronteranno in semifinale.

Il sogno sarebbe di portare sia Berrettini che Fognini, numero 11 della race, a Londra. Dipenderà tutto dalle prossime settimane. Intanto il tennista romano si gode la prima semifinale in carriera in un Masters 1000, il best ranking (numero 11 al momento), il primato in Italia (prima volta per lui) e la possibilità di entrare tra i primi 10 se domani dovesse sconfiggere Zverev (sarebbe il 4° uomo italiano a riuscire nell’impresa dopo Panatta, Barazzutti e Fognini). Davvero niente male…

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it