Lukaku supera quota 50 con il Belgio. Ora bisogna conquistare l’Inter

Pubblicato il 11 Ottobre 2019 alle 13:16 Autore: Daniele Schillaci
Lukaku supera quota 50 con il Belgio. Ora bisogna conquistare l’Inter

Romelu Lukaku, attaccante dell’Inter, è diventato il primo giocatore belga a superare quota 50 gol con la propria nazionale e lo ha fatto a soli 25 anni. Con il 9-0, risultato con il quale il Belgio ha superato con estrema facilità San Marino nella serata di ieri, l’attaccante è dunque entrato ufficialmente nella storia del suo paese.

LEGGI ANCHE: Giro di Lombardia 2019: percorso, altimetria, startlist e favoriti

Lukaku in versione panzer con la propria nazionale

Lukaku, dopo una settimana sfortunata con l’Inter per aver saltato il Barcellona e non aver influenzato in positivo con la Juventus, ha placato le polemiche con una grande prestazione con il Belgio.

Il giovane attaccante belga veniva dai tre gol rifilati alla Scozia e uno al Kazakistan nel mese di settembre, prima del match contro il San Marino. Grazie a quest’ultima doppietta, è diventato così il primo giocatore del Belgio a superare quota 50 gol con sole 83 partite giocate.

La sua vena realizzativa con la Nazionale si era fatta subito notare nell’ormai lontano novembre 2010, quando a soli diciassette anni di età e all’ottava presenza, aveva rifilato una doppietta alla Russia.

Ora bisogna trascinare l’Inter

L’attaccante è arrivato in nerazzurro durante l’estate dal Manchester United per 75 milioni, dopo esser stato anche vicino alla Juventus. Il belga è andato in gol al debutto contro il Lecce, ma non è stata la prima volta che questo è successo, come dimostrano i precedenti esordi con le maglie di West Bromwich, Everton e Manchester United.

Lukaku non ha decisamente tenuto nascosti gli obiettivi che vuole raggiungere con la sua nuova squadra. Il belga ha dichiarato più di una volta di voler abbattere l’egemonia juventina nel campionato italiano e sopratutto di voler vincere una Champions League con l’Inter.

Il nuovo numero nove nerazzurro ha anche spiegato il perché della sua scelta di mercato: uno dei motivi è decisamente Antonio Conte, che ha elogiato più di una volta davanti ai microfoni. Anche lo stesso tecnico ha sottolineato le grandi caratteristiche fisiche e tecniche del bomber sottolineando la sua importanza nel progetto di rinascita dell’Inter.

Dopo il gol nel derby contro il Milan, l’attaccante non vorrà fermarsi qua e continuare a sognare di vincere trofei con la propria Inter, in modo tale da poter far cambiare opinione a quella fetta di tifosi nerazzurri che lo ha già subissato di critiche in queste settimane.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Schillaci

Nato a Palermo il 3 settembre del 1997. Studia all'universita di Palermo Scienze delle comunicazioni per i media digitali.
Tutti gli articoli di Daniele Schillaci →