Best Global Brands 2019: classifica primi 100 marchi al mondo. Gli italiani

Pubblicato il 17 Ottobre 2019 alle 15:52
Aggiornato il: 18 Ottobre 2019 alle 16:33
Autore: Daniele Sforza
Best Global Brands 2019: classifica primi 100 marchi al mondo. Gli italiani

Il lusso continua a essere un elemento chiave nella definizione dei migliori marchi del mondo. La Interbrand ha infatti stilato la consueta classifica annuale Best Global Brands 2019. Ai primi posti troviamo i soliti noti, mentre il primo marchio automobilistico corrisponde alla Toyota. Il lusso diventa invece sempre più importante, determinando la crescita in classifica di alcuni marchi, tra cui l’italiano Gucci.

Best Global Brands 2019: la top 10

Non ci sono grandi scossoni nella top 10, e le differenze con la classifica dello scorso anno sono davvero pochissime. Rilevante comunque segnalare il forte calo di Facebook, che abbandona le prime dieci posizioni (nel 2018 era 9° e già in calo di valore) per scivolare alla 14° posizione. Al suo posto troviamo McDonald’s, mentre in decima posizione rilevante la crescita di Disney che sale di 4 posizioni. In materia di marchi automobilistici cresce la Ferrari, che si ritrova in 77° posizione. All’ultimo posto della top 100 troviamo infine Prada, che è sceso di 5 posizioni in classifica, con una variazione negativa del suo valore dell’1%.

Classifica Paesi per reputazione 2019: top 3 e posizione Italia

Best Global Brands 2019: la classifica dei migliori marchi del mondo, ecco la top 50

Andiamo a riassumere la classifica dei migliori brand al mondo 2019 nella seguente tabella. Accanto a ogni marchio saranno presenti anche la variazione in termini di valore rispetto allo scorso anno e il valore attuale.

PosizioneBrandVariazione valore marchioValore ($m)
1Apple+9%234,241
2Google+8%167,713
3Amazon+24%125,263
4Microsoft+17%108,847
5Coca-Cola-4%63,365
6Samsung+2%61,098
7Toyota+5%56,246
8Mercedes-Benz+5%50,832
9McDonald’s+4%45,362
10Disney+11%44,352
11BMW+1%41,440
12IBM-6%40,381
13Intel-7%40,197
14Facebook-12%39,857
15Cisco+3%35,559
16Nike+7%32,376
17Louis Vuitton+14%32,223
18Oracle+1%26,288
19GE-22%25,566
20SAP+10%25,092
21Honda+3%24,422
22Chanel+11%22,134
23American Express+13%21,629
24Pepsi-1%20,488
25J.P. Morgan+8%19,044
26Ikea+5%18,407
27IPS+7%18,072
28Hermes+9%17,920
29Zara-3%17,175
30H& M-3%16,345
31Accenture+14%16,205
32Budweiser+3%16,018
33Gucci+23%15,949
34Pampers-5%15,773
35Ford+2%14,325
36Hyundai+5%14,156
37Gillette-18%13,753
38Nescafé+4%13,605
39Adobe+20%12,937
40Volkswagen+6%12,921
41Citi+10%12,697
42Audi+4%12,689
43Allianz+12%12,078
44eBay-8%12,010
45Adidas+11%11,992
46Axa+6%11,830
47HSBC+5%11,816
48Starbucks+23%11,798
49Philips-4%11,661
50Porsche+9%11,652

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
    Tutti gli articoli di Daniele Sforza →