Terremoto Calabria 25 ottobre 2019: magnitudo, danni e cos’è successo

Pubblicato il 25 Ottobre 2019 alle 14:24
Aggiornato il: 27 Ottobre 2019 alle 18:48
Autore: Daniele Sforza
Terremoto Calabria 25 ottobre 2019: magnitudo, danni e cos’è successo

Scossa di terremoto in Calabria, questa mattina alle ore 6.31: epicentro nel Mar Tirreno, al largo di Scalea. La scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione che si è subito riversata in strada. Poco dopo i sismografi hanno registrato un’altra scossa, sempre nella stessa zona, ma di minore intensità. Ecco cosa è accaduto.

Terremoto Calabria 25 ottobre 2019: magnitudo e sequenza

Una sequenza di scosse ha colpito il Tirreno Meridionale questa mattina: la prima registrata dall’Ingv è stata di magnitudo 1.7 a 8 km di profondità, alle ore 6.29. Due minuti più tardi la scossa più forte, magnitudo 4.4, a 11 km di profondità. Poi ci sono state ulteriori 3 scosse nel giro di due minuti: alle 6.38 (magnitudo 2.5, a 11 km di profondità), alle 6.39 (1.5, 6 km di profondità) e alle 6.40 (1.7, 8 km di profondità).

Nella stessa area di riferimento si sono segnalate poi altre scosse durante tutta la mattinata: le più forti si sono registrate alle 7.20 (magnitudo 2.1, 9 km di profondità) e alle 7.47 (magnitudo 2.2, a 11 km di profondità). Le ultime scosse più rilevanti (magnitudo 2.0 e 2.1) sono state segnalate rispettivamente alle ore 8.33 (a 8 km di profondità) e alle ore 11.54 (11 km di profondità).

Ora solare quando cambia 2019: vantaggi e svantaggi. Quanto si dorme?

Terremoto Calabria 25 ottobre 2019: le conseguenze

Fortunatamente non ci sono stati feriti, né danni: la popolazione residente nelle zone limitrofe all’epicentro ha comunque avvertito chiaramente la scossa e alcune persone sono scese in strada. In via precauzionale è stata anche sospesa per un paio d’ore la linea ferroviaria Sapri-Paola, per l’attuazione di verifiche all’infrastruttura. Il Gruppo FS Italiane ha però sottolineato che non sono stati rilevati danni e quindi la circolazione ferroviaria è ripresa regolarmente, sebbene diversi siano stati i disagi, determinati soprattutto dagli inevitabili ritardi dei treni.

Di seguito il comunicato della Protezione Civile: “A seguito dell’evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Cosenza la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile. Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro localizzato nel Mar Tirreno – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

SEGUI IL TERMOMETRO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
    Tutti gli articoli di Daniele Sforza →