Ibrahimovic: “Milan un disastro. Io uguale a Conte”

Pubblicato il 19 Ottobre 2019 alle 15:17 Autore: Arturo Riccobono
Ibrahimovic: “Milan un disastro. Io uguale a Conte”

“Vorrei andare in una squadra che punti allo scudetto, posso ancora fare la differenza. Non sono un animale da zoo che la gente va a vedere, posso ancora fare una ventina di gol a stagione“. Parola di Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante svedese, attualmente in forza ai Los Angeles Galaxy – squadra della Major League Soccer americana – in un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport ha parlato, tra le altre cose, di un suo possibile ritorno in Italia nella nostra Serie A a gennaio e delle sue esperienze passate tra Milan, Inter e Juventus, facendo infine sognare il popolo partenopeo. Ibrahimovic ha fatto anche le sue previsioni su due delle squadre sopracitate, ammettendo il periodo buio del Milan e spendendo invece belle parole nei confronti della Juve.

LEGGI ANCHE: Inter-Juventus femminile: domani il primo Derby d’Italia rosa

“Milan un fallimento. Juventus favorita ma…”. Parla Ibrahimovic

Questo Milan non è lo stesso che ha fatto innamorare migliaia di tifosi in Italia e nel mondo. È un disastro: molte parole, pochi fatti“. Per Ibra, i principali imputati sono i dirigenti (“Forse c’è gente sbagliata che dovrebbe stare da altre parti“), ma lo svedese non individua Paolo Maldini come principale responsabile:Da calciatore era tra i miei preferiti, da dirigente non posso giudicarlo. Ma non ha un compito facile: deve fare bene con risorse limitate”.

Sulla Juventus, la sua prima squadra italiana, lo svedese non ha dubbi: “È la favorita per lo scudetto, ma la Champions è una cosa diversa e la vittoria non dipende dal potenziale. Prendete ad esempio il PSG: squadra superiore a tante, ma in Europa arranca“.

Ibrahimovic ha parlato anche di Antonio Conte, facendo i complimenti ai nerazzurri che con il tecnico leccese sembrano essere ritornati in carreggiata:Non lo conosco personalmente, ma siamo uguali: entrambi crediamo che solo con il sacrificio si possa arrivare al successo, e dicono tutti che si tratti di un allenatore che vuole il 500% dai suoi giocatori”.

Infine, ha stuzzicato i tifosi del Napoli:Ho apprezzato l’ultimo documentario dedicato a Maradona, nessuno è come lui. Ecco, vedendo l’amore di quella città mi verrebbe quasi la voglia di provare un’esperienza al Napoli: sarebbe fantastico replicare ciò che fece Diego“.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Arturo Riccobono

Nato il 27 Aprile del 1998 a Partinico. Studente di Scienze della Comunicazione per i media e le istituzioni.
    Tutti gli articoli di Arturo Riccobono →