Champions League: il punto sul mercoledì europeo

Pubblicato il 24 Ottobre 2019 alle 13:33 Autore: Daniele Incandela
Champions League: il punto sul mercoledì europeo

Goal, emozioni, sofferenza, gioia, delusione e molto altro. Questo è tutto quello che il mercoledì europeo, valido per la terza giornata di Champions League, ha saputo offrire a tutti gli amanti del gioco del calcio. Ecco di seguito il quadro sui gironi E, F, G e H.

LEGGI ANCHE: Celtic-Lazio: diretta tv, streaming e formazioni. Dove vederla

Champions League, girone E: Napoli ok a Salisburgo, Liverpool dilagante a Genk

Il Napoli di Carlo Ancelotti ha sbancato la Red Bull Arena con un pirotecnico 2-3, che consente ai partenopei di mantenere la vetta del girone E.

Gara certamente non facile per gli azzurri, i quali affrontavano un avversario ostico e capace, due stagioni fa, di eliminare la Lazio dall’EL e, nello scorso turno, di mettere in difficoltà il Liverpool campione d’Europa in carica. Due gol a testa per Dries Mertens (17′ e 64′) e per il nuovo capocannoniere della competizione Erling Haaland (40′ e 72′); decisivo infine Insigne al minuto 73. Necessario citare l’ennesima grande prestazione di Alex Meret, autore di una parata monstre su Haaland. Il Napoli, già dalla prossima sfida, avrà l’opportunità di chiudere la pratica qualificazione.

Vittoria anche per i Reds: 1-4 il risultato finale col Genk. Chamberlain (2′ e 57′), Mané (77′) e Salah (87′) i marcatori per il Liverpool; di Odey (88′) il gol della bandiera per i belgi.

Classifica girone E: Napoli 7, Liverpool 6, Salisburgo 3, Genk 1.

Champions League, girone F: Barcellona ok, sale l’Inter

Il Giuseppe Meazza è andato in delirio nella notte europea. In una cornice di pubblico degna delle grandi occasioni, l’Inter ha piegato il Borussia Dortmund per 2-0, ottenendo la prima vittoria e la seconda posizione nel girone, rimettendosi di fatto in gioco per la qualificazione agli ottavi di finale. Match aperto da Lautaro Martinez al 22′ (protagonista anche di un errore dagli 11 metri dopo l’ottantesimo) e chiuso da Antonio Candreva all’89’. In mezzo alle due reti, grande battaglia in campo.

Nell’altro incontro del raggruppamento, il Barça ha espugnato il campo per 1-2 dello Slavia Praga con i gol di Leo Messi (3′) e l’autogol di Olayinca (57′). Boril, al 50esimo minuto, aveva momentaneamente pareggiato per i cechi.

Classifica girone F: Barcellona 7, Inter e Dortmund 4, Slavia Praga 1.

Girone G: vola il Lipsia, male il Lione

Il girone G è senza dubbio quello maggiormente in equilibrio rispetto agli altri: tutte e quattro le squadre sono racchiuse in soli tre punti. Vittoria casalinga per il Lipsia che ha regolato in rimonta per 2-1 i russi dello Zenit San Pietroburgo grazie ai gol di Laimer (49′) e Sabitzer (59′).

Debutto europeo amaro per il Lione di Rudy Garcia che è crollato in casa del Benfica sotto i colpi di Rafa Silva (4′) e Pizzi (86′). Inutile il gol del momentaneo pareggio dell’olandese Depay (70′).

Classifica girone G: RB Lipsia 6, Zenit 4, Lione 4, Benfica 3.

Girone H: trionfa il Chelsea, pari tra Lilla e Valencia

L’Ajax di Ten Hag ha perso l’occasione di staccare gli avversari in graduatoria, interrompendo il suo magic moment a seguito della sconfitta di misura pattuita alla Johan Cruijff Arena contro il nuovo Chelsea della “linea verde”. Il match winner dell’incontro è stato il belga Michy Batshuayi, che al minuto 86′ ha freddato Onana con una conclusione potente.

Lilla e Valencia, invece, si sono divise un punto ciascuno: al goal di Cheryshev (63′) ha risposto quello di Ikone (95′).

Classifica girone H: Ajax e Chelsea 6, Valencia 4, Lilla 1.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Autore: Daniele Incandela

Nato a Palermo il 5 giugno del 1998. Studente di Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni presso l'università di Palermo. Grande appassionato di sport, e in particolar modo del gioco del calcio e del mondo del pro wrestling.
    Tutti gli articoli di Daniele Incandela →